Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Orchidaceae Ranunculaceae Euphorbiaceae Chenopodiaceae

Sp Tussilago farfara

Ch. Compositeae - 2

Fam. Compositeae

Tav 8 - Petali uniti - Fiore appariscente - Foglie ovali, elittiche o lanceolate

Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Pianta perenne, rizomatosa, produce in primavera fusti fiorali molto precoci coperti di tomento biancastro e brevi foglie squamose; i capolini sono solitari, di color giallo oro con fiori periferici a ligule strette; dopo la fioritura i capolini pendono. Successivamente compaiono le foglie palmate cuoriformi. Gli acheni, di 5 mm, hanno un morbido pappo peloso.

Fiori e parti sotterranee contengono mucillagini, perciò rappresentano un rimedio tra i più efficaci nel risolvere le malattie da raffreddamento; è pianta mellifera.

Autore : Linneo

Etimologia : Il nome del genere deriva dal latino e significa "agisco contro la tosse"; il nome specifico forse può derivare dalle radici tardo latine farfer= che porta farina, per il tomento bianco delle foglie.

Tipo di vegetazione : Frequente in primavera ai margini delle strade, su terreni smossi, fino al piano alpino.

Diffusione geografica : Comune in tutta Europa.

Nome italiano : Tossilagine, farfara, farfaraccio

Fioritura da Febbraio a Aprile :

Mesi Mese 02 Mese 03 Mese 04
Privacy